Tradizione e futuro delle imprese artigiane.

nuovo decreto FGAS

12 marzo 2019  /  Avvisi e comunicati

Nuovo decreto sui gas fluorurati a effetto serra (F-gas). Il decreto abroga il DPR 43/2012.

E' stato pubblicato in data 9 gennaio 2019 in Gazzetta Ufficiale il nuovo decreto FGAS che attua il Regolamento (UE) n. 517/2014 sui gas fluorurati a effetto serra (F-gas). Il decreto abroga il DPR 43/2012.

L'articolo 15 del D.P.R. conferma l'obbligo di iscrizione al Registro telematico nazionale delle persone e delle imprese certificate (già previsto dal precedente D.P.R. 43/2012) per imprese e persone che svolgono attività di installazione, riparazione, manutenzione e smantellamento di apparecchiature contenenti gas fluorurati nonché di controllo e recupero dei gas.

Rispetto a quanto previsto dal D.P.R. 43/2012 vengono introdotte alcune sostanziali novità tra le quali:

a) Ampliamento dell'ambito di applicazione con riferimento alle apparecchiature e alle attività per le quali è richiesta l'iscrizione, a seguito dell'attuazione dei nuovi regolamenti di esecuzione 2067/2015/CE e 2066/2015/CE relativi rispettivamente alla refrigerazione e ai commutatori

b) Ampliamento dell'ambito di applicazione con riferimento ai soggetti tenuti all'iscrizione e alla certificazione (artt. 7,8 e 9) nonché a quelli tenuti solo all'iscrizione (art. 10)

Tra le novità di rilievo si evidenzia l'istituzione di una BANCA DATI SUI GAS FLORURATI alla quale dovranno essere comunicate:
• le vendite di f-gas e delle apparecchiature che li contengono
• le attività di assistenza, manutenzione, installazione, riparazione e smantellamento delle stesse.

Infatti, a partire dal 24 luglio 2019:

• Chi vende gas fluorurati ad effetto serra comunica per via telematica:
a) i numeri dei certificati delle imprese acquirenti o, laddove le imprese non siano soggette ad obbligo di certificazione, i numeri dei certificati o degli attestati delle persone fisiche;
b) le quantità e la tipologia di gas fluorurati a effetto serra vendute.

• Chi vende apparecchiature non ermeticamente sigillate comunica per via telematica:
a) tipologia di apparecchiatura;
b) numero e data della fattura o dello scontrino di vendita;
c) anagrafica dell'acquirente;
d) dichiarazione dell'acquirente recante l'impegno che l'installazione sara' effettuata da un'impresa certificata.

Dal 24 settembre 2019, invece:

• L'impresa installatrice comunica per via telematica:
a) numero e data della fattura o dello scontrino di acquisto dell'apparecchiatura;
b) anagrafica dell'operatore;
c) data e luogo di installazione;
d) tipologia di apparecchiatura;
e) codice univoco di identificazione dell'apparecchiatura;
f) quantità e tipologia di gas fluorurati a effetto serra presenti e eventualmente aggiunti durante l'installazione;
g) nome e indirizzo dell'impianto di riciclaggio o rigenerazione e, ove del caso, il numero di certificato, se le quantità di gas fluorurati a effetto serra installati sono state riciclate o rigenerate;
h) dati identificativi della persona fisica certificata o dell'impresa certificata che ha effettuato l'installazione.

• L'impresa addetta al controllo delle perdite e manutenzione comunica, a partire dal primo intervento e per ogni intervento successivo, per via telematica:
a) data, se disponibile, e luogo di installazione;
b) anagrafica dell'operatore;
c) tipologia di apparecchiatura;
d) codice univoco di identificazione dell'apparecchiatura;
e) quantità e tipologia di gas fluorurati a effetto serra presenti e eventualmente aggiunti durante il controllo, la manutenzione o la riparazione;
f) nome e indirizzo dell'impianto di riciclaggio o rigenerazione e, ove del caso, il numero di certificato, se le quantità di gas fluorurati a effetto serra installati sono state riciclate o rigenerate;
g) dati identificativi della persona fisica certificata o dell'impresa certificata che ha effettuato l'intervento di controllo, riparazione o manutenzione;
h) data e tipologia degli interventi di controllo, manutenzione o riparazione;
i) quantità e tipologia di gas a effetto serra recuperata durante l'intervento sull'apparecchiatura;

• L'impresa che esegue lo smantellamento delle apparecchiature comunica alla banca dati:
a) data e luogo di smantellamento;
b) anagrafica dell'operatore;
c) tipologia di apparecchiatura;
d) codice univoco di identificazione dell'apparecchiatura;
e) quantità e tipologia di gas fluorurati a effetto serra recuperato durante lo smantellamento;
f) misure adottate per recuperare e smaltire i gas fluorurati a effetto serra contenuti nell'apparecchiatura;
g) dati identificativi della persona fisica certificata o dell'impresa certificata che ha effettuato l'intervento di smantellamento.

Al fine delle comunicazioni di cui sopra le relative imprese sono tenute all'iscrizione al Registro telematico nazionale. Le informazioni relative alla vendita sono comunicate alla banca dati contestualmente alla vendita, le informazioni relative al controllo perdite, all'installazione, alla manutenzione, alla riparazione, allo smantellamento devono essere comunicate entro trenta giorni dall'intervento.

Rimangono in essere fino alla scadenza le qualifiche delle persone fisiche (patentino FGAS) e delle imprese (certificazioni aziendali) emesse ai sensi del regolamento (CE) n.842/2006; l'ente di certificazione estende l'efficacia dei certificati rilasciati anche per le attività di installazione, manutenzione, riparazione e smantellamento delle celle frigorifero di autocarri e rimorchi frigorifero contenenti gas fluorurati ad effetto serra, previa verifica dei requisiti e rilasciando una certificazione integrativa.

Il primo passaggio per ottenere la certificazione, sia delle persone fisiche che delle imprese, è, ed è sempre stata, l'iscrizione al registro telematico nazionale; le persone o le imprese che non porteranno a termine l'iter di certificazione entro otto mesi dalla data di iscrizione al registro verranno, previa notifica, automaticamente cancellate.

Le circa 30'000 imprese e altrettante persone attualmente iscritte al Registro F-Gas e non certificate avranno tempo fino a settembre per conseguire la certificazione; il mancato rispetto di questa tempistica comporterà la cancellazione dal Registro.

 http://www.fgas.it

Notizia 6 di 168

Ricerca notizie

Appuntamenti

‹‹  Aprile 2019  ››

LMMGVSDLMMGVSDLMMGVSDLMMGVSDLM

123456789101112131415161718192021222324252627282930

Confartigianato Imprese
Valle d’Aosta
Località Grand Chemin, 30
11020 Saint Christophe (Ao)
PI 00603360074

Orari
degli uffici


Associazione
dal lunedì al venerdì
08:00 - 13:00 / 14:00 - 17:00

I nostri recapiti
telefonici e mail


Associazione
tel. +39 0165 36 10 01
fax +39 0165 34 905
mail info@confartigianatovda.it
mail fatturaelettronica@confartigianatovda.it
mail mepa@confartigianatovda.it

Paghe
tel. +39 0165 51 61 31
mail paghe@confartigianatovda.it

Contabilità
tel. +39 0165 36 10 01
fax +39 0165 34 905
mail contabilita@confartigianatovda.it
mail infopratiche@confartigianatovda.it